Calendario

Gennaio 2019
L M M G V S D
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3

Accesso Utenti

di John Henry Newman

Quasi al termine dell’Avvento ricompare Giovanni il Battista, “un uomo mandato da Dio”, dice il Vangelo. E noi abbiamo bisogno, ancora oggi, di uomini mandati da Dio. Che mentre ti stanno davanti subito capisci che c’entrano con Dio. Da come parlano, da come vivono, da come ti guardano. Di Giovanni il Battista ci viene detto che “non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce”. Testimone luminoso perché non è affatto preoccupato di brillare di luce propria. 

Perché con la luce, con questa luce non è più tempo di scherzare, come qualcosa che si può accendere o spegnere a piacimento.

Quando il Battista afferma deciso che “Colui che viene dopo di me è avanti a me, perché era prima di me” non fa disquisizioni di pensiero. Non sta esprimendo un’opinione. Semplicemente vuole affermare con chiarezza che prima c’è Gesù, la luce vera, e poi arriva lui, quasi un’ombra che gli si staglia davanti.

Intanto Gesù viene. E non vorremmo non aver mai smesso di aver paura del buio per avere ancora il cuore pronto, bruciante del desiderio della Luce.

E così preghiamo:

“Guidami luce benigna nel buio che mi circonda, / nera è la notte e ancor lontana la Casa. / Sostieni il mio cuore vacillante; / nell'oscurità del cammino guidami Tu. / Non ti chiedo di vedere oltre e lontano; / solo passo per passo ove posare il piede".