Calendario

Maggio 2019
L M M G V S D
29 30 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

Accesso Utenti

di don Maurizio

Nei giorni scorsi leggevo questo pensiero: “Rimango sempre affascinato dai girasoli: sanno sempre da che parte voltarsi, verso dove guardare … verso il sole che li fa crescere, che restituisce loro tutta la forza, la luce, il calore e la bellezza, così da incantare e stupire chi li guarda.
Forse è proprio questo che il nostro Arcivescovo ci chiede nella lettera pastorale per l’anno 2018-2019 dal titolo “Cresce lungo il cammino il suo vigore”: imparare a guardare dove più conta per poter camminare in speranza, libertà e responsabilità, gli uni verso gli altri, senza scoraggiamenti, pur nella precarietà e complessità della vita di ciascuno, della vita della Chiesa e della vita del mondo.

Così ci dice:

Propongo che l’anno pastorale 2018/2019 sia vissuto come occasione propizia perché le comunità e ciascuno dei credenti della nostra Chiesa trovino modo di dedicarsi agli “esercizi spirituali” del pellegrinaggio. Gli esercizi che raccomando sono l’ascolto della Parola di Dio, la partecipazione alla celebrazione eucaristica, la preghiera personale e comunitaria. Si direbbe “le pratiche di sempre” o anche peggio: “le solite cose”. Ma noi non abbiamo altro. (pag. 13)

Non abbiamo altro, come il sole per il girasole …

All’insegna di questi tre inviti ricominciamo insieme un nuovo anno pastorale nella nostra Parrocchia. Un anno segnato dalla partenza di don Gabriele e dall’arrivo di don Andrea. Con il dono della Missione popolare, un momento forte di evangelizzazione. Siamo invitati a pensare, sognare, cambiare, senza troppe paure o nostalgie …

Non ha fondamento storico né giustificazione ragionevole l’espressione “si è sempre fatto così” che si propone talora come argomento per chiedere conferma dell’inerzia e resistere alle provocazioni del Signore che trovano eco nelle sfide presenti. (Lettera pastorale pag. 8)

O, per usare queste parole a commento della lettera: “Non suonate quel che c’è già, ma quello che non c’è”. Per far questo occorre imparare dai girasoli, dal loro sguardo, occorre essere innamorati del sole. Occorre fidarsi del nostro Dio…  Buon cammino, insieme.