organo 976x393_comp organo 976x393_comp2

1618-2018: 400 anni della nostra comunità parrocchiale

L'icona della Sacra Famiglia nelle nostre case

Calendario

Marzo 2019
L M M G V S D
25 26 27 28 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Accesso Utenti

 

Domenica 3

Ultima dopo l’Epifania

(Lc 19,1-10)

.

 

Ore 16.00 Celebrazione Sacramento del Battesimo

Ore 17.00 In Oratorio: Incontro per catechisti, allenatori, dirigenti

 

Lunedì 4

.

 

.

 

Martedì 5

 

Ore 21.00 Percorso in preparazione alla Cresima

(per gli adulti)

.

 

Mercoledì 6

.

 

.Ore 21 Conferenza San Vincenzo

 

Giovedì 7

..

 

 

 

Venerdì 8

.

 

 

 

Sabato 9.

.

 

Ore 15.30 -18.00 Confessioni

 

Domenica 10

 

1a di QUARESIMA

(Mt 4, 1-11)

.

 

Al termine delle SS. Messe

Imposizione delle ceneri

 

AVVENIRE

Con l'inizio della Quaresima viene riproposta la vendita promozionale del quotidiano cattolico, con l'acquisto di un buono (7 euro) valido per 7 numeri domenicali dal 10 marzo al 21 aprile 2019.

 Festa di Carnevale - Domenica 3 marzo ore 16 in Oratorio

Giochi – sfilata maschere per i ragazzi delle elementari - frittelle

Oratorio

SEGRETERIA dell’Oratorio

aperta il lunedì e il mercoledì ore 16.00 - 19.00

Iniziazione Cristiana 2018-2019

Questa settimana:

4a elem. Mercoledì  ore 17.00

Gruppo adolescenti, 18/19enni: lunedì ore 18.30 -19.30.

Giovani: lunedì ore 21.00.

Vacanze estive 2019

«Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri» (Gv 13,35) 
Come tutti gli anni, anche per il 2019 l’oratorio propone, oltre all’“oratorio estivo”, alcuni giorni di convivenza, le “vacanze”, sempre attese e gradite dalle famiglie della comunità cristiana e non solo. 

Perché queste proposte? Qual è lo scopo? Sicuramente si parte dal bisogno delle famiglie, che a volte è solo quello d’impegnare il tempo dei propri figli, ma più spesso è l’espressione del desiderio che facciano esperienze utili dal punto di vista educativo. Una preoccupazione, questa, di tanti. Anche di chi non condivide la fede cristiana, ma che pure si sente accolto e integrato nei nostri ambienti. 
Non abbiamo timore ad affermare con forza che l’unico motivo che ci spinge è quello che si possa vivere “il cielo in terra”, così come Gesù lo ha promesso. L’uomo d’oggi, spesso disorientato, non pensa al “cielo” come lo intende il cristianesimo. Piuttosto, lo sente astratto e lontano, inutile rispetto alle esigenze della vita. 
Invece Gesù è sceso da questo cielo per abitare la terra. E continua a farlo oggi in modo speciale nella sua Chiesa. Tutti noi - collaboratori di queste iniziative, volontari, animatori, educatori, segretari, cuochi… - vogliamo prima di tutto che chiunque possa vedere ciò che Gesù stesso ha promesso: «Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri» (Gv 13,35). 

Per questo desideriamo che chiunque vorrà aderire a queste proposte, con qualunque ruolo o compito, abbia a cuore questa continua tensione verso quell’“ideale più alto”. 

don Andrea Plumari